Sostegno Inclusione Attiva

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali attraverso il Piano nazionale per la lotta alla povertà e all’esclusione sociale ha attivato il SIA Sostegno per l’Inclusione Attiva. Il SIA è una misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un contributo economico per le famiglie in condizioni di fragilità sociale e disagio economico e comporta l’adesione ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa.

Requisiti: il SIA può essere richiesto dalle famiglie in cui si verifica una di queste condizioni:

  • presenza di una donna in stato di gravidanza
  • presenza di persona disabile con almeno un genitore convivente
  • presenza di almeno un figlio minorenne convivente

Inoltre si richiede:

  • un ISEE in corso di validità uguale o inferiore a 3000 euro;
  • residenza in Italia da almeno 2 anni;
  • possesso della cittadinanza italiana o comunitaria, oppure possesso di permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo.

La domanda per il SIA non può essere presentata se:

  • ricevi più di € 600 di indennità o contributi a titolo previdenziale, indennitario o assistenziale da parte dello Stato o di altri Enti pubblici (NASPI e ASDI);
  • hai comprato un nuovo veicolo immatricolato nei 12 mesi precedenti alla presentazione della domanda;
  • hai un autoveicolo di cilindrata superiore a 1300 cc o un motoveicolo di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati nei 36 mesi precedenti alla presentazione della domanda.

Il Progetto personalizzato L’aiuto economico verrà erogato solo se la famiglia aderirà ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, attraverso interventi che verranno individuati dai Servizi sociali, dal Centro per l’Impiego, dai Servizi sanitari e dalle Scuole. La costruzione del progetto include tutto il nucleo famigliare, attraverso la valutazione di bisogni e problematiche. Le famiglie dovranno impegnarsi a svolgere attività specifiche in diverse aree:

  • contatti frequenti con i servizi sociali
  • ricerca attiva del lavoro
  • adesione a iniziative di formazione o di politica attiva o di attivazione
  • accettazione di offerte di lavoro congrue
  • frequenza e impegno scolastico
  • comportamenti di prevenzione e cura volti alla tutela della salute

L’obiettivo è aiutare le famiglie a superare sia la condizione di povertà che a riconquistare gradualmente l’autonomia.

Il valore Il beneficio economico è mensile (erogato da INPS ogni due mesi attraverso una carta di pagamento elettronica), ha durata di un anno e varia in base al numero dei componenti del nucleo familiare:

nr. componenti nucleo familiare

Contributo mensile assegnato

1

€80

2

€160

3

€240

4

€320

5

€400

Come si richiede il SIA

E’ necessario prendere appuntamento presso i Servizi Sociali del Comune di Lonato del Garda, che offrono un supporto nella compilazione del modulo INPS presentando le fotocopie relative a:

  • dicharazione Isee in corso di validità
  • carta d’identità e permesso di soggiorno di chi fa la richiesta
  • documentazione medica attestante lo stato di gravidanza rilasciata da una struttura pubblica (nel caso sia il solo requisito posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto)
  • libretto di circolazione di autoveicoli / motoveicoli intestati ai componenti del nucleo familiare
  • eventuale verbale d'invalidità

Se hai bisogno di informazioni e per prendere un appuntamento telefona al numero 030/91392242 – 243 – 267 in questi orari: da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12.00.

Comune e Inps faranno le verifiche necessarie sui requisiti; se la tua domanda verrà accolta, ti contatteremo per costruire insieme al tuo nucleo familiare il progetto personalizzato.

Revoca del beneficio Il Comune può revocare l’erogazione del beneficio se:

  • non viene firmato il progetto personalizzato;
  • vengono violati gli obblighi del progetto;
  • non si è più nella condizione di bisogno.