Tre interventi per migliorare la qualità di vita dei cittadini e dell'ambiente

Data: 
Mercoledì, 15 Novembre, 2017
Tipologia: 
Comunicati di servizio
Comunicato: 

L’amministrazione lonatese mette in campo tre interventi per migliorare il sistema fognario a beneficio della qualità dei residenti e dell’ambiente circostante. Si tratta nello specifico di tre opere pubbliche fondamentali per il benessere della comunità locale: il nuovo depuratore di Centenaro e Castel Venzago, il collettore di San Tommaso-Brodena e il collettore fognario di San Polo di sotto.

Il nuovo depuratore di Centenaro, spiega l’assessore alle Opere e ai lavori pubblici Oscar Papa, «è un’opera  di grande importanza per il nostro comune, in quanto ci permette di adeguare un impianto divenuto ormai insufficiente e non più in grado di accogliere lo scarico di nuove abitazioni».

Dopo l’acquisizione dell’area necessaria in prossimità dell’attuale impianto di depurazione, e dopo lo svolgimento della gara di appalto, a gennaio partiranno i lavori per la realizzazione del nuovo depuratore nelle frazioni di Centenaro e Castel Venzago, che sarà operativo entro la fine del 2018. Progettata e seguita da Garda Uno, l’opera gestirà i collettori fognari comunali e avrà un costo di circa 800mila euro, finanziati per una parte (300mila euro) dal Comune e il restante da Garda Uno.

Entro la metà di dicembre entrerà in funzione, invece, la stazione di sollevamento del nuovo collettore di San Tomaso e Brodena, quindi le abitazioni situate in prossimità dello stesso collettore potranno allacciare definitivamente i propri scarichi. E in questo modo, precisa l’assessore Papa, «cesserà lo scarico a fondo perduto, riducendo l’inquinamento del sottosuolo, e sarà drasticamente ridotto il disagio, anche economico, per i cittadini costretti al periodico svuotamento delle fosse biologiche».

La terza opera prevista è il tratto di collettore fognario nella zona di San Polo di sotto. D’accordo con i residenti, è stato progettato sempre da Garda Uno, e approvato, il collettore che permetterà a circa venti famiglie residenti di allacciarsi al collettore esistente, che transita sulla strada principale.

«Si tratta di ulteriore tassello verso il completamento del quadro fognario comunale – conclude l’assessore Oscar Papa – che, come nel caso di San Tomaso e Brodena, migliorerà da subito la qualità del servizio e dell’ambiente».